ALFREDO GIARRATANA


ALFREDO GIARRATANA

N. prodotto: ISBN 88 7385 495 8

Marcello Zane

Un manager dell'energia nelle vicende sociali ed economiche di Brescia e dell'Italia del Novecento

introduzione di Marco Belfanti
cm 26x20, 256 pp., ill.
© aprile 2001


Pubblicista, tecnico, attivista e uomo politico, manager pubblico e privato: nell’inesausto intrecciarsi delle sue attività si può ritrovare il tratto saliente della vicenda di Alfredo Giarratana (1890-1982). A lungo impegnato come giornalista politico, direttore del quotidiano “Il Popolo di Brescia”, fu anche un efficace divulgatore dei temi della gestione industriale ed energetica. La sua carriera politica, intrapresa con entusiasmo, si concluse tra accuse e attacchi alla sua persona dopo anni di attiva adesione al regime fascista, con le cui iniziative non sempre si era identificato. La figura di Giarratana riveste un particolare rilievo soprattutto in virtù delle energie profuse alla guida dell’Azienda Municipalizzata bresciana, di cui fu presidente dal 1927 al 1941. Con una visione lungimirante, egli riteneva che il rigore amministrativo, il progresso tecnologico, la propensione all’investimento potevano consentire al servizio pubblico di migliorare le proprie prestazioni senza generare perdite, tenendo così testa alla concorrenza delle industrie elettriche private. L’attuazione di queste idee mutò il volto dell’Asm: a una maggiore promozione e più ampia articolazione dei consumi Giarratana unì la razionalizzazione della struttura e l’introduzione di importanti innovazioni tecniche, facendo dell’Azienda cittadina un modello di riferimento per tutte le municipalizzate italiane. Nel 1928 Giarratana fu nominato presidente dell’Agip: qui, tuttavia, il suo progetto di fare dell’impresa petrolifera pubblica un attore di statura internazionale avrebbe trovato un ostacolo insuperabile nella tendenza del regime ad utilizzare le aziende di proprietà statale come meri strumenti al servizio delle esigenze del potere politico.

SOMMARIO
M. Belfanti, Lo stratega dell’energia - Tra giornalismo, professione e politica. Le (in)decisioni del giovane Giarratana - Un brillante giornalista - L’adesione al fronte interventista - Nella guerra con l’amico Augusto Turati - La “macchina economica” e il rapporto fra pubblico e privato - Un “novus ordo” per la città e la nazione - L’immediato dopoguerra. La ricerca di soluzioni “forti e profonde” - Una nuova “cassetta degli attrezzi” - La centralità della produzione - Dall’economia alla politica (e ritorno) - La riscossa dei giovani - Dentro le istituzioni. Rivoluzione in corso: da Brescia al Parlamento - “Malato di democrazia” - La conquista dell’“enorme pachiderma” - Con i “mezzi ordinari” del fascismo municipale - L’elezione a deputato nel 1924 - La “città a venire”: la nuova Brescia di Giarratana - Moderatismo, minacce e rappresentanza sociale - Ripensare Brescia - Analisi locali e panoramiche nazionali - Per la città del XX secolo - Un Piano regolatore “per la sobrietà delle demolizioni” - La “conversione” alla municipalizzazione. L’Asm di Brescia: rigore finanziario e innovazione tecnologica - “Fedifrago o rinnegato?”. Giarratana presidente della Municipalizzata - L’azienda “industriale” Asm: utilità pubblica e rendimento economico - L’aggiornamento tecnologico e lo sviluppo dei servizi - Quando gli industriali esagerano: la lunga diatriba Seb-Asm - Le ragioni del servizio pubblico. Dall’Azienda bresciana alla Federazione nazionale delle municipalizzate - Un modello per le municipalizzate - La battaglia per la riduzione delle tariffe - Dall’azienda alla rete integrata: la sconfitta di un’idea - “Aziende di carattere in un mare insidioso” - La solitudine del manager Giarratana alla presidenza dell’Agip - L’Agip fra impresa pubblica e strumento politico - L’uomo giusto al posto giusto - In Irak: interessi aziendali e diplomazia internazionale - In Albania: un oneroso monopolio - “Quella lotta che ci tien desti anche di notte”: la Russia e la fine di Giarratana - Ragioni di Stato e delusioni del regime. Senza un attimo di respiro. Città, Stato, Corporazioni: fra impegno e disinganno - L’infaticabile giornalista e il fidato uomo di partito - “Dimostrare maturità tecnica, civile e politica” - Questioni di politica economica: energia e innovazione - Le Corporazioni e la mancata rivoluzione - I frutti dell’esperienza - Dall’espulsione dal Partito fascista alla ripresa dell’attività nell’Italia del dopoguerra - Doppiezze e veleni: l’allontanamento dal “Popolo di Brescia” - Via dal fascismo - Sotto inchiesta - I molti saperi di un eterno “malcontento” - Memorie e nostalgie di una città - Fonti archivistiche e bibliografiche - Nota biografica - L. Bottazzi, Appendice. La politica imprenditoriale delle Aziende Elettriche Municipalizzate nel periodo fascista (1923-45) - Indice dei nomi

Disponibile
possibilità di spedizione entro 5 giorni

18,08

Informazioni aggiuntive sul prodotto

Tema: Storia - Personaggi
Zona d'interesse: Brescia città

Cerca questa categoria: Grafostorie