LA LOMBARDIA DEI CONTADINI 1920-1932 vol. 2


LA LOMBARDIA DEI CONTADINI 1920-1932 vol. 2

N. prodotto: ISBN 88 7385 540 7

Paul Scheuermeier

Le province di Cremona e Mantova

Disponibile anche in cofanetto con i due volumi Le province di Brescia e Bergamo e Lombardia Occidentale
Un’opera fondamentale sul mondo rurale lombardo, una raccolta di immagini straordinaria, un classico della ricerca etnografica in un’accurata edizione critica.

a cura di Giovanni Bonfadini, Fabrizio Caltagirone, Italo Sordi
cm 28x28, 204 pp., 213 ill.
© novembre 2002


Nel luglio del 1920 lo zurighese Paul Scheuermeier varca il confine a Ponte Chiasso per iniziare la sua avventura italiana, che lo porterà a viaggiare, nell’arco di 15 anni, lungo tutta la penisola per i rilevamenti dell’Atlante linguistico ed etnografico dell’Italia e della Svizzera meridionale. Di ogni regione egli visita i centri ritenuti più significativi dal punto di vista linguistico, raccogliendo informazioni sui termini dialettali, sulla loro pronuncia e sulle loro relazioni con la vita e il lavoro dell’Italia di quegli anni, ancora in assoluta prevalenza rurale.
Tra le regioni italiane, la Lombardia è stata certamente una di quelle in cui più ricca è la documentazione raccolta, comprendendo più di 500 fotografie e un’ingente mole di dati linguistici ed etnografici. Nei due volumi sulla Lombardia orientale sono compresi documenti, più di 250 fotografie e 120 disegni realizzati nelle province di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova: in tutto 25 località visitate (a due delle quali, Gandino nella montagna bergamasca e Pescarolo nel Cremonese, sono dedicati ampi approfondimenti etnografici), nelle quali Scheuermeier interroga i suoi “informatori”, scelti con cura tra gli abitanti, secondo gli obiettivi che egli stesso illustra: “non si voleva conoscere soltanto il termine con cui erano denominati i vari oggetti, ma anche la loro forma, il materiale con cui erano fatti e lo scopo a cui servivano”. È grazie a questa impostazione “a tutto tondo” che il lavoro di Scheuermeier si presenta oggi come una delle raccolte più ricche e complete di dati coerenti e sistematici per quanto riguarda non solo la lingua ma anche le condizioni socio-economiche e le tecniche del lavoro agricolo nei primi decenni del ’900. Fondamentale è in questo senso l’apporto delle fotografie, vero e proprio testo di una ricerca di antropologia visuale, ricca di informazioni, oltre che sulla realtà etno-antropologica, anche sul paesaggio rurale dell’epoca.

SOMMARIO
Introduzione -
F. Caltagirone, I. Sordi, Musei di immagini, musei di cose - G. Bonfadini, L’orecchio di Scheuermeier. Note sulle oscillazioni fonetiche dei materiali raccolti a Pescarolo - La ricerca di Paul Scheuermeier nelle province di Cremona e Mantova: i documenti - Nota redazionale - Nota sulla grafia - Solferino - Bozzolo - Pescarolo - Crema - Cremona - Rivolta d’Adda - Mantova - Bagnolo S. Vito - Sermide - Pescarolo. Approfondimento etnografico (25-27 settembre 1931) - I disegni di Paul Boesch per l’approfondimento etnografico di Pescarolo - Appendice. Riproduzioni anastatiche delle didascalie in tedesco

Disponibile
possibilità di spedizione entro 5 giorni

46,00

Informazioni aggiuntive sul prodotto

Tema: Fotografia - Antropologia - Folklore - Dialetto - Lavoro
Zona d'interesse: Lombardia

Cerca anche queste categorie: Gli sguardi e i tempi, Gli sguardi e i tempi