SIAMO QUI COME LE FOGLIE


SIAMO QUI COME LE FOGLIE

N. prodotto: ISBN 88 7385 368 4

Giuseppe Denti

Lettere, immagini e note dal fronte e dalla prigionia. 1915-1918

a cura di Rolando Anni. Prefazione di Alberto Monticone
cm 26x20, 216 pp., 93 ill.
© settembre 1997


Nella ricca messe di documenti che intorno alle vicende della prima guerra mondiale si sono conservati, le lettere e i taccuini dell’ufficiale Giuseppe Denti si segnalano per la varietà e l’originalità della testimonianza. Maestro elementare a Cingia de’ Botti, nella Bassa cremonese, Denti era pittore, compositore e insegnante di musica. Richiamato alle armi nell’aprile del 1915, scrisse quasi ogni giorno alla famiglia, raccontando la vita delle retrovie e del fronte in lettere e cartoline spesso arricchite da disegni che illustrano, meglio di molte narrazioni, la condizione dei soldati, e mostrano con ricchezza di dettagli le persone e i luoghi della trincea. Di particolare interesse sono annotazioni, lettere, schizzi che l’ufficiale produsse durante la prigionia a Cellelager seguita alla battaglia di Caporetto, documentando con acutezza e talvolta con spirito bonariamente ironico le condizioni di vita dei prigionieri italiani. Il libro raccoglie gran parte delle missive, dei disegni e delle fotografie realizzati da Denti durante la Grande Guerra. Ne documenta inoltre l’attività musicale nel periodo del conflitto e in quello della prigionia, fornendo un elenco ed una succinta analisi delle sue composizioni. Ripercorrere l’esperienza di Giuseppe Denti consente così di portare un utile contributo alla conoscenza della mentalità e dei comportamenti diffusi fra i combattenti italiani, osservati con l’ottica di un intellettuale che con essi solidarizza senza la pretesa di valutarne gli orientamenti.

INDICE
- A. Monticone, Prefazione - R. Anni, La memoria ritrovata - Siamo qui come le foglie - L’attesa (aprile-maggio 1915) - Verso il fronte (giugno-luglio 1915) - Il fronte e le retrovie (luglio-dicembre 1915) - Il fronte dell’Isonzo (gennaio-giugno 1916) - Momenti di pace e ritorno al fronte (agosto-dicembre 1916) - Il fronte del Medio e Alto Isonzo (gennaio-ottobre 1917) - La prigionia (ottobre 1917-novembre 1918) - Il ritorno (novembre 1918-febbraio 1919) - Appendice - C. Perucchetti, Un musicista-capitano. L’orchestra dei “Gefangenen” a Cellelager


ESAURITO

23,24

Informazioni aggiuntive sul prodotto

Tema: Storia - Personaggi
Zona d'interesse: Brescia città

Cerca questa categoria: Grafostorie

I clienti che hanno comprato questo prodotto hanno anche comprato

LE FESTE BRESCIANE
15,49 *
*
Prezzi comprensivi di IVA, esclusa spedizione